Fleetblog incontra ING Car Lease Italia

andrea-cardinali-_-ing-car-lease

Fleetblog intervista Andrea Cardinali, General Manager di ING Car Lease Italia la società di noleggio a lungo termine del gruppo bancario olandese ING.

1. Come è andato il 2008? Siete soddisfatti dei risultati?

Siamo estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2008: abbiamo infatti registrato un incremento della flotta superiore di circa 5-6 volte alla crescita media del mercato. Inoltre abbiamo quasi raggiunto le 10.000 auto su strada, un traguardo per noi molto importante che sarà non solo motivo di grande soddisfazione, ma soprattutto stimolo per affrontare le nuove sfide con una marcia in più.

2.  Quali sono le previsioni per il prossimo anno? La crisi finanziaria mondiale avrà delle ripercussioni nel settore del noleggio a lungo termine in Italia?

Ovviamente è facile prevedere che le flotte aziendali potranno subire un impatto dalla recessione in corso: questo in termini di rientri anticipati, riduzione degli ordinativi, restrizione delle car policy, con una complessiva contrazione del circolante. Tuttavia non crediamo che l’attuale crisi economica avrà un forte impatto sul mercato del noleggio a lungo termine italiano, che ha ancora un grado di penetrazione molto ridotto rispetto ad altri mercati europei più maturi; in un momento caratterizzato da carenza di liquidità, secondo noi, il noleggio a lungo termine può svolgere un ruolo anticiclico, rappresentando un’opportunità piuttosto che un problema.
Inoltre, continueremo a studiare soluzioni ad hoc per i nostri Clienti desiderosi di contenere i costi di gestione della flotta: le nostre dimensioni ancora contenute ci permettono infatti di essere dei veri e propri consulenti e di creare un’offerta custom-made, calata sulle reali esigenze di ogni interlocutore, facendo della flessibilità la ns autentica vocazione.

3.  Come si sta preparando la vostra azienda alla rivoluzione ecologica? Quali minacce e quali opportunità ci saranno nel settore del noleggio a lungo termine in Italia?

Non sentiamo l’esigenza di creare nessun prodotto standardizzato: ancora una volta il nostro obiettivo è quello di offrire al cliente una consulenza personalizzata e studiata sulle sue esigenze. Ci muoviamo sui singoli casi, analizzando le specifiche car policy e valutando insieme ai Fleet Manager le soluzioni ad hoc per le esigenze della propria flotta.
Esperienze importanti sono state fatte dalle BU’s ICL all’estero: in Belgio per esempio ICL dà agli utilizzatori la possibilità di compensare l’emissione di CO2 delle vetture attraverso l’acquisto di “crediti”. In pratica, pagando un contributo mensile quasi simbolico, i Clienti possono contribuire ad attività di riforestazione o altri progetti “ecologici”.
La sensibilità ambientale è comunque uno dei punti chiave della nostra Corporate Identity, al di là delle scelte operate dai ns Clienti: per esempio, ING è membro di Green Power Partnership, un programma che fornisce supporto tecnico, risorse e strumenti per produrre elettricità attraverso energie rinnovabili, quali energia solare, eolica, geotermale ecc.

4.  Quali novità in termini di prodotti e servizi vi vedranno impegnati il prossimo anno?

Stiamo lavorando ad un ulteriore perfezionamento dei nostri strumenti di gestione, e dedichiamo molte energie al miglioramento del livello di servizio offerto.
A breve sarà pronto un nuovo servizio di “Dynamic e-reporting”: un sistema di reportistica di nuova generazione studiato per soddisfare tutte le richieste delle Aziende. Il Fleet Manager avrà a disposizione ben 1500 report e potrà decidere, insieme al proprio Key Account, il layout e i contenuti del file. Tutta la reportistica potrà essere scaricata 24/24 dal nostro sito web, ma sarà anche possibile pianificare un invio automatico di e-mail con la cadenza desiderata, e ricevere così periodicamente tutte le informazioni strategiche per il monitoraggio della propria flotta.
Stiamo anche creando un “Customer Service Desk” interamente dedicato ad assistere i Fleet Manager nelle loro esigenze amministrative e gestionali, affiancando il Call Center tecnico rivolto agli utilizzatori, che rimane uno dei nostri fiori all’occhiello. Questo ci permetterà di facilitare la risoluzione delle singole problematiche, ma anche di monitorare la ns performance per trarne spunti di miglioramento futuro.

Leave a Reply

Your email address will not be published.