Guaber colora la sua flotta di verde con Arval

EcopolisGrazie al recente accordo con Arval, Guaber società del gruppo Spotless aderendo al programma “Ecopolis Fleet” renderà la propria flotta a “impatto zero”, compensando gli oltre 265.000 kg di CO2 generati dall’utilizzo di tutte le vetture del proprio parco, e contribuire così alla creazione e tutela di una foresta in Costa Rica. Spotless è una holding europea operativa nella produzione e commercializzazione di prodotti per la cura dei tessuti, la pulizia della casa, la protezione dagli insetti e la cura delle piante. �
Ecopolis Fleet è uno dei progetti più eco-compatibili sul mercato rivolti alla mobilità e si articola in tre principali step: calcolo delle emissioni di CO2, consulenza globale per la composizione di nuove flotte di veicoli a basso impatto e compensazioni delle emissioni attraverso la riforestazione di alcune aree verdi.
Paolo Ghinolfi, AD e DG di Arval, da sempre sensibile alle tematiche ambientali e vero e proprio “pioniere” della mobilità sostenibile in campo delle flotte aziendali, ha dichiarato che “progettare flotte non può prescindere dal considerare il contesto più ampio in cui tali flotte andranno a inserirsi” e che l’obiettivo di Arval è quello di “poter creare una vera e propria etica e deontologia della mobilità.”
Andrea Gualandi, DG di Guaber, giustifica la sua scelta affermando come sia necessario che le imprese “contribuiscano con sempre maggiore efficacia al miglioramento della qualità della vita, dalla tutela ambientale alla ricerca di innovazioni tecnologiche, alla conservazione di culture.”
Gauber e Arval: ecco un altro passo verso la filosofia del “guidare eco-sostenibile.”

Leave a Reply

Your email address will not be published.