Metano: gli incentivi nazionali sono finiti, ma ci sono quelli regionali

Molti pensano che gli incentivi per il metano siano finiti, ma non è così. In Lombardia, per esempio, è disponibile un bonus di 3.000 euro per chi acquista un’auto nuova alimentata a metano. Ma non è solo la Lombardia ad incentivare questo carburante. Vi sono molte altre regioni che offrono agevolazioni a chi decide di acquistare un’auto nuova alimentata a metano o di trasformare una vecchia auto a benzina passando all’alimentazione a metano. Qui sotto, a cura dell’Osservatorio Metanauto (struttura di ricerca sul metano per autotrazione), un quadro esauriente dei bonus ancora in vigore. Detto della Lombardia, che offre le cifre maggiori, è da citare anche il caso della Valle D’Aosta, regione in cui sono a disposizione di chi decide di passare al metano 1.500 euro per l’acquisto di un’auto nuova e 500 euro per la trasformazione a metano di una vettura vecchia. Sono disponibili incentivi, poi, anche in Piemonte (sia a livello regionale sia per chi risiede nei comuni di Chivasso, Vercelli, Novara ed anche in provincia di Novara), in Liguria, in Trentino Alto Adige, in Veneto (offerti dal comune di Cerea, di Legnago, di Padova e dalla Provincia di Venezia), in Emilia Romagna (nei 90 comuni che aderiscono all’accordo sulla qualità dell’aria) ed in Toscana (in 30 comuni). Come si vede si tratta esclusivamente di regioni del Centro-Nord Italia, che hanno deciso di puntare sul metano anche per risolvere le problematiche ambientali causate dalle emissioni di sostanze nocive che provengono dalle auto. Il metano, infatti, presenta un livello di emissioni molto più basso rispetto alle alimentazioni tradizionali. Per questo anche le regioni del Centro-Sud, che sono interessate dalle problematiche ambientali allo stesso modo di quelle del Centro-Nord, dovrebbero incentivare l’utilizzo del metano fornendo bonus per chi decide di passare a questo ecologico carburante. Da notare, infine, che i bonus offerti dalle amministrazioni locali non sono solo di natura economica, ma ve ne sono di diversi tipi, frutto dell’inventiva ecologista degli amministratori locali. Per i residenti a Fiorenzuola D’Arda (Piacenza), ad esempio, sono a disposizione 25 ore di gratta e sosta gratuiti se si decide di passare al metano. L’idea di fornire permessi di sosta gratuitamente  o a prezzo agevolato è diffusa anche a Bologna (sconto del 50% sull’abbonamento mensile e semestrale di sosta) ed a Novara (parcheggio negli spazi blu al costo di 10 euro all’anno).

Leave a Reply

Your email address will not be published.