FiatChrysler e Banca intesa insieme per il noleggio (e non solo)

Il Gruppo bancario Intesa San Paolo ha stretto un accordo per la distribuzione di servizi di mobilità con FiatChrysler

Il Gruppo bancario Intesa San Paolo ha stretto un accordo per la distribuzione di servizi di mobilità con FiatChrysler

Il Gruppo FiatChrysler e Banca Intesa San Paolo sono due tra i main sponsor di Expo 2015. Evidentemente il dialogo tra i due colossi non si limita a programmare iniziative di marketing in vista della più importante kermesse mondiale del prossimo anno, ma sta per sfociare in accordi commerciali “di peso”. Il primo è relativo alla distribuzione di servizi di mobilità ai clienti delle banche del Gruppo Intesa.

Non è nuova l’iniziativa di abbinare l’auto a uno sportello bancario: oltre un decennio fa, per esempio, il rilancio della Smart (che all’inizio non era un fenomeno di mercato come poi è diventata) fu affidato anche a un accordo di distribuzione attraverso il circuito bancario dell’allora Banca di Roma (oggi Unicredit). In seguito molte case costruttrici e società di noleggio hanno siglato accordi con istituti di credito, basandosi sul principio, in effetti sensato, che la banca è uno dei primari punti di riferimento per le piccole e medie imprese, per gli artigiani, per i professionisti e anche per i privati.

L’accordo tra Fiat e Banca Intesa non si limiterà semplicemente alla proposizione di formule di noleggio a canoni aggressivi per i correntisti, ma permetterà di offrire diverse soluzioni d’acquisto e anche di servizi di post-vendita. Il principio ispiratore del progetto è lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi che siano più vicini ai bisogni di privati e piccoli imprenditori, semplificando l’acquisto e rendendo più semplice l’identificazione di un costo unico mensile per le necessità degli spostamenti lavorativi o personali. In sostanza si tratta dell’enfatizzazione del concetto di noleggio a lungo termine: costi certi, pianificabili, facilmente identificabili, senza sorprese di costi aggiuntivi non previsti (come manutenzione straordinaria, aumenti di tariffe assicurative eccetera).

Come spesso è avvenuto negli ultimi anni, il Gruppo Fiat si dimostra votato all’innovazione: in sostanza sta mettendo a punto un nuovo modello di distribuzione automobilistica per migliorare la mobilità quotidiana: poco tempo fa promuovendo una delle più importanti iniziative di car sharing (enjoy), oggi sviluppando un progetto con un gruppo bancario che conta 11,5 milioni di clienti e che, anch’esso, si contraddistingue per uno spirito fortemente votato all’innovazione (prolungamento dell’apertura degli sportelli in orario extra-lavorativo, aperture delle filiali anche il sabato e utilizzo massivo delle nuove tecnologie di comunicazione).

Il web sarà protagonista assoluto di questa partnership: sarà disponibile un preventivatore di noleggio online e le offerte promozionali di prodotti e servizi saranno chiaramente visibili su internet. Insomma: la mobilità 2.0 di cui si parla da anni con questa iniziativa fa un deciso balzo in avanti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.