Udite udite: arriva il super ammortamento

Padoan e RenziPier Carlo Padoan, Ministro dell’Economia, e il Premier Matteo Renzi stano mettendo a punto un provvedimento a favore dell’auto aziendale: sarà inserito nella Legge di Stabilità 2016.[/caption]

Un pacchetto per il rilancio dell’economia d’impresa: a questo sta facendo riferimento il premier Renzi, puntualmente in ogni occasione pubblica degli ultimi giorni. Pur con un Ministro dell’Economia, il meno immaginifico Pier Carlo Padoan, che fa da pompiere in molti casi, per stemperare gli eccessi d’ottimismo del Capo del Governo. Un pacchetto che dovrebbe vedere la luce all’interno della “Legge delle Leggi”, ovvero il “super-calderone di fine anno”, cioè la Legge di Stabilità 2016 (che una volta chiamavamo Legge Finanziaria).

Sono andato a spulciarmi il testo attualmente all’esame al Senato, e in effetti ci sono un paio di notizie interessanti: la prima è il cosiddetto “super ammortamento”, la seconda riguarda l’innalzamento del limite di deducibilità dai 18.076 euro (un livello obsoleto: risale ancora all’epoca delle vecchie lirette, perché corrisponde esattamente ai 35 milioni). Probabile un innalzamento fino a circa 25.000 euro (ovvero +40%, a compensazione dell’inflazione occorsa da quando il livello di deducibilità era stato fermato). Quando venne fissato il limite di 35 milioni, con questa cifra si poteva acquistare una vettura di classe media, oggi con 18.000 euro si accede a stento a un’utilitaria a gasolio! Ben venga, quindi, un innalzamento del limite.

Più interessante, però, è il super ammortamento: si tratta di una misura di agevolazione fiscale sugli investimenti di beni strumentali (dunque anche l’auto aziendale) che consentirà di ammortizzare il 140% del costo deducibile. Il provvedimento produrrà effetti fiscali, economici e finanziari differenti a seconda della tipologia di deducibilità (integrale, oppure auto in benefit per i dipendenti, auto di pool, oppure acquisite con leasing o in noleggio a lungo termine). Per le auto a deducibilità integrale (cioè totalmente strumentali nel core business aziendale, come gli autocarri, oppure quelle dei taxisti, oppure ancora le auto dei noleggiatori), l’agevolazione produrrà una deducibilità pari al 140% sul costo (da ripartire per tutta la durata fiscale prevista per l’ammortamento). Per il risparmio di imposte, i soggetti Ires risparmieranno l’11% (con l’aliquota ferma al 27,50%), per i soggetti Irpef si potrebbe arrivare al 18% per i redditi più elevati.

In caso di auto assegnate come benefit, il super ammortamento è sempre del 140% del costo, ma la deduzione è limitata al 70% (come da molti anni a questa parte). Quindi il risparmio netto sarà pari al 28% del costo, con un’agevolazione Ires di circa l’8%. Per le auto di pool, non assegnate, visto l’innalzamento del limite ai 25.000 euro circa, l’ammortamento salirà al 40% di tale ammontare, se il veicolo non supera il nuovo limite di importo, se invece il costo d’acquisto è superiore, verrà fissato un valore non superiore a circa 10.000 euro.

Più difficile interpretare, in assenza ovviamente di circolari esplicative da parte dell’Agenzia delle Entrate (che naturalmente seguiranno la nuova normativa), gli effetti su leasing e noleggio a lungo termine. In ogni caso, sulle auto a deducibilità integrale e per quelle in benefit, si accelererà il recupero delle agevolazioni fiscali in 24 mesi (ovvero la metà del periodo di ammortamento), per i veicoli a deducibilità limitata occorrerà attendere le interpretazioni dell’Agenzia. Si ipotizza, però, l’applicazione del super ammortamento soltanto sulla quota capitale dei canoni. In questo caso, come già evidenziato (non ufficialmente) dall’Aniasa al sottoscritto nei giorni scorsi, il noleggio risulterebbe svantaggiato rispetto alle altre formule d’acquisto che non prevedono l’erogazione di servizi compresi nel canone. Però è presto per fasciarsi la testa: attendiamo che il provvedimento veda la luce. Anzi: incrociamo le dita! Sarebbe infatti la prima volta in questo decennio che le Istituzioni guardano con occhio più benevolo il comparto Automotive…

Leave a Reply

Your email address will not be published.