2017: anno ricco di novità

Alfa Romeo StelvioSecondo gli analisti, il 2017 sarà un anno di crescita per il mercato dell’automobile. Archiviata definitivamente la crisi, il comparto automotive guarda con ottimismo al futuro, con una rete distributiva più snella ma efficiente, e le formule alternative all’acquisto (come il noleggio a lungo termine) che ormai conquistano clienti anche tra i privati.

A spingere il mercato nuovamente verso la soglia dei 2 milioni di auto nuove vendute saranno però soprattutto le novità di prodotto, molte delle quali interessano da vicino il settore delle flotte aziendali. I costruttori, infatti, sono sempre più orientati verso la clientela business, perché è quella con il maggiore potenziale di crescita e un ciclo di sostituzione più rapido. Le novità riguardano in particolar modo il segmento di suv e crossover, un comparto che oramai veleggia verso il mezzo milione di unità all’anno, avendo superato quelli che fino a pochi anni fa erano i segmenti più venduti (quello delle citycar e quello delle utilitarie, che oggi valgono 400.000 nuove targhe ciascuno ogni 12 mesi).

Come è noto, suv e crossover sono guardate con estremo favore dalle flotte aziendali perché attirano i clienti user chooser, ma anche perché, grazie al valore residuo superiore a quello delle altre tipologie di vetture, consentono di ottenere canoni di noleggio molto competitivi. le prime novità al debutto sono l’Audi Q5 rinnovata (in concessionaria già a gennaio) e la molto attesa Alfa Romeo Stelvio (i primi esemplari saranno in consegna ad aprile). Su quest’ultima si fondano le speranze del definitivo rilancio del marchio del Biscione. Nel segmento medio ci saranno anche altre protagoniste di “volume”: la BMW X3 (che però si farà attendere fino agli ultimi mesi del 2017), la Volvo XC60 (seguita da un’inedita sorella minore XC40), e un nutrito gruppo di outsider: Skoda Kodiaq (basata sul pianale della Volkswagen Tiguan, a proposito della quale va segnalato il debutto nel 2017 della versione Allspace, allungata e a sette posti), Mazda CX-5, Renault Koléos e Honda CR-V. Più votata al fuoristrada, invece, sarà la Jeep Compass, una sorta di Grand Cherokee in formato ridotto, che debutterà a settembre e sarà realizzata sul pianale della Renegade. Più crossover, infine, sarà la nuova Peugeot 5008, che abbandona i panni della monovolume per abbracciare uno stile più “trasversale”.

Proprio questo concetto stilistico sembra stia diventando un fenomeno importante del momento: come già avvenuto con la Renault Espace e, in parte, con la nuova Scénic, le monovolume stanno perdendo un pizzico di abitabilità per abbracciare uno stile più grintoso da “tuttofare”. Anche nei segmenti bassi, suv e crossover saranno protagoniste del 2017: la nuova Mini Countryman sarà in vendita da febbraio, la Suzuki Ignis addirittura a gennaio, mentre la Opel Crossland X (erede della Meriva: un’altra conversione da monovolume a crossover) arriverà ad aprile. Quest’ultima avrà anche una sorella maggiore, la Grandland X, che si posizionerà nel segmento dei 4,5 metri e condividerà la piattaforma di base con la Peugeot 3008.

Nel segmento alto, in arrivo una nuova Volkswagen Touareg (a fine anno) e la sua cugina Porsche Cayenne, giunta alla terza edizione. Per chi utilizza l’auto anche in fuoristrada, la novità dell’anno è la Land Rover Discovery 5. Tra le utilitarie, le novità principali dell’anno saranno la Citroen C3 (già in vendita) e la settima generazione della Ford Fiesta: quest’ultima sarà disponibile in quattro declinazioni differenti: normale (base e Titanium), sportiva (ST Line), lussuosa (Vignale) e crossover (Active). In arrivo anche una nuova Opel Corsa, l’edizione rinnovata della Seat Ibiza, della Kia Rio, della Nissan Micra e della Toyota Yaris.

Tra le compatte, la novità dell’anno sarà la Volkswagen Golf (a marzo), che cambia soprattutto nei contenuti, e meno nell’estetica, seguita dalla nuova Honda Civic (anch’essa a primavera) e dalla terza generazione della Hyundai i30. Novità di rilievo anche tra le vetture di dimensioni importanti: la principale sarà la nuova BMW Serie 5 (a febbraio), seguita dalla Opel Insignia Grand Sport, che da berlina diventa una sorta di coupé a 4 porte. Novità in arrivo anche tra le ibride e le elettriche: tra queste ultime la Opel Ampera E (una compatta da 4,2 metri con autonomia che sfiora i 500 km grazie alle batterie agli ioni di litio) e la BMW i5. L’ibrida più interessante sarà, come è logico, una Toyota: la nuova Prius plug-in.

Leave a Reply

Your email address will not be published.